Yidakiwuy Dhawu Miwatjngurunydja  

Yol\u Rom - Storie sullo Yidaki - Dhadalal

Sebbene non se ne parli spesso e ancora meno frequentemente venga costruito nella sua forma rituale specifica, il Dhaladal, lo yidaki della Moiety Yirritja, e' uno strumento pubblico, usato a Garma e nelle cerimonie aperte a tutti. Il suono di una serie di toot sostenuti e' un richiamo funerario per tutti i clan, Dhuwa e Yirritja, gia' da quando gli antenati lo suonavano nella terra Gumatj di Gulkula, la sede del festival annuale di Garma. L'antenato conosciuto presso il clan Gumatj con il nome di Ganbulapula ha acquisito molte altre identita' viaggiando presso numerosi clan Yirritja a partire da Gupapuy\u, nell'estremo est dell'area culturale Yol\u, dove ha iniziato il suo viaggio come Murayana.

 

Il Leader del clan Madarrpa (Yirritja) Djambawa Marawili ha dato una dimostrazione del richiamo funerario del Dhadalal allo yidaki forum di Garma festival del 2004.  

Djapu clan (Dhuwa) yidaki player Milkay\u Munu\gurr plays the Dhadalal in ceremony for his mother's Gumatj clan (Yirritja) at Garma 2004.


Questo e' il modo in cui Garrawin Gumana, leader del clan Dhalwa\u ha presentato il Dhadalal al Garma festival del 2004.

Lo yidaki non e' per una sola persona: e' per tutti. Lo yidaki e' Dhuwa e Yirritja. Ma per me, Galarrwuy, per i Gumatj e i Madarrpa si chiama Dhadalal, non yidaki ma Dhadalal. Il Dhadalal e' qualcosa: e' qui che viene suonato da chi lo possiede e che fa ballare. Questa musica e' naturale: questo e' il Dhadalal. Il Dhadalal appartiene alla gente Yirritja come me, Galarrwuy e Djambawa. E noi qui' a Garma. Questo yidaki, il Dhadalal, e' solo per Garma, non per le cerimonie o per i canti ordinari.
Questo e' per la gente Yirritja, solo per le occasioni speciali, come ora e' Garma, e per la morte. Noi lo usiamo per qualsiasi morto, donna, uomo, o bambino. Ma non questo qui', questo e' solo per oggi. Ma non solo oggi,ma mio padre e suo padre (il padre di Galarrwuy, Mungurrawuy) ci dissero: "voi potete farlo cosi', il suo nome e' Dhadalal".
Si' potete udirlo: e' un suono diverso, solo per il Dhadalal. E' un suono differente da quello di Djalu, e' molto, molto diverso, noi lo chiamiamo rirrikay, rirrikay (suono). Ganbulapula, la storia di Ganbulapula, l'ho ascoltata da mio padre e dal suo (di Galarrwuy) e dal padre di mio fratello Djambawa. Il Dhadalal puo' essere usato per alcuni motivi, un addio ad una persona morta, quando si muore, la morte, e per Garma.
Garma e' un nome speciale, intendo un nome aperto, che tutti possono usare, giovani e anziani, e bambini. Tutti a Garma danzano al suono dello yidaki. A Garma, da Garma, per tutti i clan e tutte le tribu', Yothu-Yindi, Yothu-Yindi, Yothu-Yindi, tutti possono venire.
A me, Galarrwuy e Miniyawany (Djambawa), piace prendere il posto degli anziani. Oggi stiamo prendendo il loro posto e dopo questo, quando io moriro', forse loro due prenderanno il mio posto o forse i loro figli lo faranno. Non prendete la via breve. Bisogna seguire la linea, seguire la linea. Loro possono fare cosi' oppure, non si sa, non so, forse faranno uno yidaki ordinario, il Dhadalal. Forse diranno una storia come quella di cui stiamo parlando adesso e di cui parla il mio popolo, gli anziani, come Mungurraway, Birrikitji (il padre di Gawirri).
Quello e' nostro padre; sono vicini come fratelli Mungurraway e mio padre Birrikitji, camminavano insieme. Per questo (il Dhadalal). Non solo per questo ma anche per questo (le corde di piume). Questo e' speciale. Speciale ma potete vederlo noi possiamo mostrarlo. Perche' i nostri padri ci dissero: potete mostrarli alla gente in modo che possano imparare. "Imparare ma non portare via, non copiare". No. E' nostro possesso speciale, proprieta' per tutta la gente Yirritja. Non fare. Non potete farli come questo Altrimenti avrete dei guai. Ma ascoltate la mia Dhawu (la mia storia) e di loro due.

Dh^wu Dhadalalwuy (Storia del Dhadalal)

Estratti dalla storia di Ganbulapula raccontata dal leader Gumatj Djalali Yunupingu, il fratello piu' giovane di Mungarraway, con Rirraliny, Nalpiny e Yirringa Yunupingu, facendo spesso riferimento al Dhadalal ma senza mai nominarlo.

Dhuwalanydja w^\a garma, dhiyala walala yukurrana giritjinanydja... Questo luogo (Gulkula) e' un terreno cerimoniale pubblico dove loro stavano danzando...
Mokuywa Ganbulapulawa, Murayanawa. Balakurrunydja \ayipi wanuwanuyurruna, dhupu\ala, wambal-\upara dhuwala burwu' gadayka... Appartiene a quello spirito, Ganbulapula, Murayana. Ha viaggiato per questa strada, guardando in alto, seguendo i fiori dello stringybark...
Ga dhuwalana lili \ayi wandinanydja, bala dhuwalana \ayi w^\anydja mulkana. Wanha\uwuy \ayi \unhi Ganbulapulanydja? |urukuwuy bala, Gupapuy\u. E' corso qui. E' arrivato in questo posto. Da dove viene Ganbulapula? Da quella parte (ovest) la terra di Gupapuy\u.
Ga dhiyakuwuynydjau Ganbulapula, b^purru Gumatj ga Lamamirri. Bili dhuwalanydja w^\a Gumatjku ga Lamamirriwu ga Wangurriwu. In questo posto, Ganbulapula e' Gumatj e Lamamirri. Perche' questa terra appartiene ai clan Gumatj, Lamamirri and Wangurri clans.
Ga nhumanydja wiripu-gulkuny'tja Yirritjakunditjthu, \uli rramba\i \ilimurru, dhipala miyaman manikay. Nh^ku \ilimurru \uli miyamandja dhipala? E voi altri clan Yirritja, tutti noi cantiamo di questo luogo insieme. Perche' cantiamo tutti di questo luogo?
Bili Ganbulapulanydja dhuwala \ilimurru\gu\u bukmakku\u, nh^munha'wu\u b^purru'wu\u, miyamanara: Perche' Ganbulapula appartiene a tutti noi clan insieme:
Gumatjku\u, Dhalwa\u'ku\u, Ma\galiliwu\u, Madarrpa, Liyalanmirri, Ritharr\u, Lama, Wangurri, Warramiri ga Gupapuy\uwu\u. Ga Gumatj Dh^-dhudilili ga Dh^-gupalili, ga balakurru bili, \ilimurru \uli wa\ganygurru wa\anhamirrinydja. dai Gumatj, Dhalwa\u, Ma\galili, Madarrpa, Liyalanmirri, Ritharr\u, Lamami, Wangurri, Warramiri and Gupapuy\u. I clan Gumatj alti e bassi attraverso questa via. Parliamo tutti con la stessa voce.
Balanyara \ilimurru\gu \uli romdja \orra... E' cosi' che la nostra legge rimane nel tempo...
Ga yidakinydja dupthurra bitarra bala Yarrapayyu, Wurrwudiyu; \uruku Dhuwawu mokuywu Dhanbulwu, Nyedilwu. L'yidaki ha suonato attraverso Yarrapay, Wurrwudi, per gli spiriti Dhuwa chiamati Dhambul or Nyedil.
"Do-o-o-p," bitjarra. |unhawala Yarrapayyu, Dha\ala\al'yu, Witiyanayu, Wurrwidiyu. Ga bitjarra bala dopthurru Dh^yulkulyu. "Do-o-op," Cosi' ha risuonato a Yarrapay, a Dha\ala\al, Witiyana and Wurrwidi. E ha suonato cosi' a Dh^yulkulyu,
Buku-ritharrmirriwu, mokuywu Dhuwawu yana. Yidaki y^na yukurrana \urrka'-\urrkanhamina, mar\gikunhamina bala-lil'yunmina... Per gli spiriti Dhuwa che danzavano con i copricapo di speargrass sulla fronte. Il suono dell'yidaki risuonava, segnalando dappertutto...
Ga \ilimurru mi=tjinydja mokuy dhiyala b^yma giritjina yukurrana Gulkula... E gli spiriti del nostro clan danzavano qui a Gulkula...
Walala yukurrana giritjinanydja dhiyala, mokuy walala Yirritjakunditj. Ga walala, Dhuwanydja walala \unhala Yarrapay ga Dh^yulkul. Loro danzavano qui gli spiriti dei clan Yirritja. E gli spiriti Dhuwa li' a Yarrapay and Dh^yulkul.


PROSSIMA PAGINA - STORIE SULLO YIDAKI - GULARRI

all material copyright 2006 Buku-Larr\gay Mulka Centre & the Yol\u individuals and clans concerned