Yidakiwuy Dhawu Miwatjngurunydja    

La Rom Yolngu - Yidaki Dhuwa e Yirritja

Come qualsiasi altra cosa nell'universo, un yidaki puo' essere Dhuwa o Yirritja. Non esiste un solo tipo di didjeridu conosciuto come yidaki con un solo racconto alle spalle. Ci sono molte storie sulle origini e gli usi dell'yidaki presso gli yolngu. Alcune riguardano l'uso quotidiano e sono comuni ad entrambe le moiety. Altre sono su tipi molto specifici di yidaki sacri cha appartengono solo ad alcuni clan o moiety. Ci sono alcuni tipi di yidaki che sono Dhuwa, altri che sono Yirritja. D'altra parte, come Wukun Wanambi, un uomo del clan Marrakulu, moiety Dhuwa, ha sottolineato: tutti gli alberi di Gayka (un totem del suo clan) dai quali molti yidaki sono ricavati sono Dhuwa, quindi forse tutti questi yidaki sono Dhuwa! Wukun prosegui' dicendo che esistono suoni appropriati per le musiche dei differenti clan.

Dato che esistono molti tipi in ciascuna moiety, si e' diffusa una dubbia generalizzazione secondo la quale gli yidaki fatti dagli artigiani Yirritja sono piu' piccoli e di tonalita' piu' alta, mentre quelli fati dagli artigiani Dhuwa sono piu' lunghi e di tonalita' piu ' grave. Questo deriva principalmente dalle storie raccontate su e di Djualu Gurruwiwi (clan Galpu, moiety Dhuwa), che ha maggiori contatti con la scena estera del didjeridu e che preferisce fare i profondi e potenti yidaki del suo clan. Egli parla spesso del clan di sua madre, Gumatj (Yirritja) che possiede uno strumento sacro che e' solitamente di dimensioni ridotte e di nota alta. Sebbene cio' che Djalu dice sia certamente vero, la comprensione delle sua parole e' spesso ipersemplificata, nello stesso modo in cui le cose non sono mai cosi' chiaramente bianche o nere, ci sono molti clan all'interno delle due moiety e molti individui all'interno dei vari clan che hanno i loro gusti personali. Lo stesso Djalu vi dira' dei vari tipi di strumenti clanici che differiscono da questa generalizzazione, come fanno Wukun e Badikupa nel video qui sotto. Molti Yolngu, inoltre, fanno la diffrenza tra strumenti cerimoniali appartenenti ad uno specifico clan e "yidaki per tutti i giorni" che possono essere usati per qualsiasi canto pubblico.

Dhukal Wirrpanda dichiara che clan differenti hanno suoni diversi. solo testo Wukun parla dei suoni dei diversi clan, inclusi lo yidaki lungo e basso, del clan Gupapuy\u della moiety Yirritja. solo testo Badikupa parla del clan Yirritja che usa degli yidaki lunghi e il suo m^ripulu (clan della madre della madre), laymil del moiety Dhuwa, che usa uno yidaki corto e di nota alta. solo testo

Discuteremo quest'argomento sulle prossime tre pagine. In questa pagina vedremo esempi che supportano la generalizzazione degli yidaki Yirritja corti e di tonalita' alta in opposizione a quelli Dhuwa grandi e profondi. Nella prossima faremo un altro passo includendo l'argomento delle parentele e opinioni nell'equazione e nella terza analizzeremo altre ambiguita'.

Sulla sinistra sono raffigurati due yidaki i cui costruttori ne dichiarano la qualita' cerimoniale per i loro rispettivi clan che supportano la suddetta generalizzazione sul contrasto fra strumenti Dhuwa e Yirritja. A sinistra un grande yidaki fatto da Djalu. Egli lo scelse per un funerale del clan Galpu e all'yidaki Forum del Garma Festival come sempio di un appropriato yidaki Galpu chiamato Djingurriny. Il semplice disegno si riferisce al Wititj, il pitone oliva che sputa la pioggia della stagione delle piogge e la cui lingua guizzante e' il fulmine. Questo yidaki e' in Mi con un toot soffice, rotondo e facilmente ottenibile. Nonostante la nota non sia molto grave, questo yidaki e' potente con una resa sui bassi estremamente forte e calda, ed e' contemporaneamente chiaro e squillante nelle armoniche piu' alte. Piuttosto grande per essere un Mi, e' lungo 157 cm con un diametro della campana finale di 16 cm. La maggior parte degli yidaki di Djalu sono grandi e pesanti come questo ma di tonalita' piu' grave. Sembra che egli trovi che gli unici yidaki di tonalita' alta utilizzabili per il suo stile siano quelli conici e di grande diametro interno (dopo la piccola imboccatura) senza l'elevata compressione (backpressure) degli yidaki acuti e sottili preferiti oggi dai suonatori piu' giovani. Come vedremo piu' tardi, questi yidaki devono essere anche potenti e con un suono pieno per avere la forza di richiamare Barra il vento dell'Ovest.

Lo yidaki sulla destra e' stato costruito da Mirrwat\a Munyarryun, un suonatore giovane e molto richiesto del clan Wangurri (Yirritja). Egli ha dichiarato che ha il suono adatto al canto Wangurri. E' dipinto con Gomulu, l'airone un modello di condotta per i cacciatori Yirritja il cui canto tipico e inconfondibile e' suonato sugli yidaki nei canti Yirritja. Sulla schiena dell'uccello sono dipinte le acque sacre per i Wangurri chiamate Gularri (di cui impareremo di piu' in seguito), legate al suono dello yidaki per il clan Wangurri. Questo yidaki e' in fa diesis con un toot in tonalita'. Ha un suono piu' "sporco" con maggiori frequenze medie e senza la brillantezza ne' i bassi di quelli di Djalu. E' invece molto stretto con un suono "ringhioso". E' lungo 136 cm con una campana di 10 cm.


L'immagine di cui sopra, sostiene la teoria della dualita' tra i costruttori di yidaki Dhuwa e Yirritja. Abbiamo di nuovo un grande MI di Djalu , ma l'altro e' della stessa nota ma costruito da Burr\upurr\u Wunu\murra del clan Dhalwa\u di cui parleremo piu' avanti. Lui e Djalu hanno costruito due yidaki nella stessa tonalita' ma questo potrebe entrare in quello di Djalu! E' lungo 135 cm con un estremita' inferiore di 9 cm. Questo yidaki e' di diametro interno piu' piccolo, con una maggiore backpressure e un suono piu' sporco ma non come quello di Mirrwat\a nella figura di cui sopra. Manca ovviamente del basso tonante del Dju\girriny' di Djalu.

.


PROSSIMA PAGINA - YIDAKI AND THE MOIETIES - YOTHU YINDI E LA COSTRUZIONE DELLO YIDAKI

all material copyright 2006 Buku-Larr\gay Mulka Centre & the Yol\u individuals and clans concerned