Yidakiwuy Dhawu Miwatjngurunydja  

Yidaki, le domande: Come vivono gli Yol\u il fatto che altri fabbricano e vendono didjeridus?

Gli Yol\u sanno che l'artigianato del didgeridoo fa ormai parte di tutta l'Australia, ma molti rimangono sorpresi nell'apprendere che il didgeridoo viene anche costruito in forme e materiali diversi in tutto il mondo. Tutti si sentono in qualche modo proprietari dello strumento; alcuni hanno posizioni assolute per cui il didgeridoo appartiene solo agli Yol\u' e ai gruppi confinanti ed e' assolutamente vietato ad altri di fabbricarlo e venderlo. Altri sono un po' piu' tolleranti ma mai d'accordo sul fatto che il didgeridoo possa essere considerato uno strumento appartenente al mondo, staccato dai suoi legittimi possessori tradizionali.

Watjuku Gurruwiwi - la costruzione e la vendita dei didgeridoo deve essere lasciata ai possessori tradizionali. solo testo
Il didgeridoo "tagliato e scavato" ha riscosso sempre piu' successo negli ultimi anni. Siccome gli alberi di altri paesi non hanno lo scavo naturale prodotto dalle termiti, molti hanno imparato a prendere dei tronchi o dei rami d'albero, aprirli e scavarne le due meta' e poi ricongiungerle per ottenere uno strumento suonabile. La natura personalizzabile di questo processo costruttivo unitamente all'artigianato e alle tecniche occidentali di lavorazione del legno, attraggono molti suonatori di didgeridoo che hanno precedentemente acquistato uno strumento autentico.

Molti Yol\u accettano senza biasimi che altri costruiscano didgeridoos con i propri materiali e hanno addirittura gioito nel constatare certi risultati, ma molti sanno che una volta venduto quell'articolo, viene infranto un loro copyright sfruttando una loro idea e il ricavato viene indebitamente sottratto agli stessi Yol\u. Attualmente non c'e' comunque nessuna azione legale in atto e nessuna volonta' di fermare questo processo di diffusione del didgeridoo in tutte le sue varianti; tutto cio' finche' non si mentira' sulla vera natura di uno strumento Yol\u o non Yol\u e finche' le terre e le risorse naturali degli Yol\u non verranno indebitamente sfruttate e dissacrate come e' successo per il didgeridoo a causa della commercializzazione non Yol\u in tutto il resto del paese.

Chiunque fabbrichi e venda didgeridoos, pensi ai sentimenti del popolo Aborigeno, e pensi alla recente proposta di Dhukal di "ridare" qualcosa. Cio' non significa necessariamente una percentuale sulle vendite ma potrebbe essere qualcosa di semplice o piu' fondamentale; qualcosa da dare subito o un'idea a lunga scadenza. Siate creativi.

Djalu' parla della calda accoglienza avuta per uno strumento portato dall'America, e della connessione che rappresenta. solo testo Badikupa "sicuro"! ne abbiamo uno e possiamo usarlo nelle cerimonie; ci piace per la condivisione di ideali che rappresenta. solo testo Burr\upurr\u approva ma non e' molto entusiasta dello strumento in questione; "non c'e' niente che possa rimpiazzare uno yidaki Yol\u!" solo testo
Djalu' racconta la storia di uno scambio tra un suo yidaki e uno strumento Americano e spiega il grande valore simbolico di quel gesto. solo testo Badikupa - gli piacciono alcuni strumenti tagliati e scavati a mano che ha provato ... ma dal punto di vista commerciale ribadisce e insiste sul diritto di proprieta' Yol\u, sul vero strumento. solo testo Burr\upurr\u e' sorpreso dal fatto che si possa fare soldi con uno strumento "tagliato e scavato" e riflette sul suo punto di vista. solo testo


PROSSIMA PAGINA - LE DONNE ABORIGENE, POSSONO SUONARE IL DIDJERIDU?


all material copyright 2006 Buku-Larr\gay Mulka Centre & the Yol\u individuals and clans concerned